Lira Italiane Rare: le Monete Lira più Quotate e di Valore

Anche se il collezionismo non rientra tra i tuoi interessi e hobby, potresti scoprire in un vecchio portafoglio o nella soffitta dimenticata tra la polvere una piccola fortuna che non sapevi di possedere. E’ il campo delle monete rare, ma prima ancora dell’avvento dell’Euro, quando in Italia circolava la Lira, motivo in più che le ha rese ancora più preziose e di valore, visto che non vengono neanche più prodotte, sostituite, dal 1° gennaio del 2002, dalla moneta europea.

Tra queste vecchie monete si celano dei veri e propri tesori, molto ricercati tra i collezionisti e gli esperti. Alcune possono arrivare fino 10.000 euro di valore, soprattutto se conservate con cura e le più preziose sono quelle coniate e messe in circolazione intorno agli anni ’50.

Le lire di una volta…

L’anno di partenza di questo viaggio alla scoperta delle lire italiane rare è il 1946 quando furono coniate le prime 5 lire della Repubblica Italiana, queste presentano un grappolo d’uva su un lato della moneta e perciò si riconoscono facilmente, quelle del 1946 e del 1947 sono piuttosto rare e perciò preziose e, se ben tenute, possono arrivare anche fino ai 1200 euro di valore, quelle degli anni successivi non superano la cifra comunque più che rispettabile di 50 euro.

Dal 1951 sono state coniate delle nuove 5 lire che avevano un delfino al posto dell’uva e sull’altro lato un timone. Fu grande la tiratura di queste monete che non hanno quindi un considerevole valore commerciale, tranne per l’anno 1951 che hanno come particolarità di avere inciso sotto il delfino la parola prova e quelle del 1956, poiché ne furono coniate solo 400.000 e valgono oggi circa 2.000 euro.

Anche le 10 lire occupano un posto importante in questo particolare, affascinante e remunerativo, naturalmente solo per i fortunati che ne sono in possesso, viaggio. Le 10 lire del 1954 hanno un valore medio di 70-90 euro, ben più consistente è quello delle 10 lire del 1947, sono le più rare e perciò le più ricercate dai collezionisti e arrivano alla ragguardevole cifra di 4.000 euro.
Le 20 lire sono tra le monete più ricercate tra i collezionisti e gli amanti di numismatica, il primo conio è risalente al 1956 e negli anni successivi non ha mai cambiato il proprio disegno, quelle del suddetto anno con la scritta prova possono valere anche 300 euro, mentre quelle con la data del 1968 sempre con la scritta prova arrivano a 800 euro, senza scritta il valore cala drasticamente fino a 80 euro.

Lire Italiane Rare

Lire Italiane Rare

…e quelle più recenti

Non serve essere troppo adulti per aver maneggiato, pagato, conosciuto e visto le monete da 50 lire. Nel corso degli anni se ne sono succedute di 5 tipi, la più rara è quella che risale al 1958, ma più in generale ogni moneta da 50 lire con una data incisa inferiore al 1960 può andare dai 50 agli 800 euro di valore, a seconda dell’anno e dello stato di conservazione, quella del 1958 raggiunge invece i 2.000 euro.

Salendo ancora con il valore della moneta si arriva a quella da 100 lire, la prima coniata nel 1955 è anche quella più rara e preziosa, visto che i collezionisti arrivano a pagarla anche 1.000 euro, ma solo se in condizioni di conio, tenuta comunque in ottime condizioni vale più di 100 euro. Non essendo monete così antiche nè possedendo particolari curiosità come errori di stampa, il valore di queste monete scende con l’avvicinarsi ai nostri giorni o comunque agli ultimi suoi giorni di produzione. Già quelle del 1968 hanno un valore di pochi euro, per poi perdere anche quello dagli anni successivi in poi. Alla luce di tutto ciò vale la pena rovistare tra i vecchi oggetti della soffitta o della cantina, alla ricerca di monete preziose.